Regionali, ecco liste e partiti che sosterranno i candidati presidente

A poco più di una settimana dalla scadenza dei termini per la presentazione delle liste per le elezioni regionali, resta qualche incognita sul numero dei simboli che verranno affiancati ad ogni candidato governatore (complessivamente 47 i contrassegni presentati).

Nello Musumeci potrebbe avere al suo fianco ben cinque simboli, nonostante i partiti che lo sostengono siano tre (Pdl, Pid e La Destra). Accanto ai loghi classici di Pdl e Pid, infatti, potrebbero nascere altre liste secondarie. “Forza Sicilia – Musumeci Presidente”, dovrebbe essere il nome della lista gemella del Pdl (in cui confluirebbero anche alcuni esponenti de La Destra), mentre anche il Pid di Saverio Romano ha consegnato un secondo simbolo: “Iniziativa popolare – Musumeci Presidente”. La quinta formazione a sostegno è quella direttamente riconducibile all’ex eurodeputato: “Nello Musumeci Presidente”.

Rosario Crocetta punterà su tre liste: Partito democratico, Udc e “Crocetta Presidente”. Quasi certo l’inserimento dei candidati dell’Api (che pure ha presentato il suo simbolo) all’interno della lista che fa riferimento direttamente a Crocetta. Folla anche a sostegno di Gianfranco Miccichè: oltre Grande Sud e Partito dei siciliani, l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio dovrebbe beneficiare del supporto di altre due liste. Si tratta della lista che porta il suo nome (“Miccichè Presidente”), e di quella che metterà insieme Fli e Movimento per la Sicilia. Lo stesso Miccichè recentemente ha escluso la possibilità di un listone unico. Claudio Fava punta tutto su due liste: la prima mette insieme Sel, Federazione della sinistra e Verdi, mentre la seconda  è quella di Italia dei valori. Due liste anche a sostegno della candidatura di Roberto Saureborn: Unione democratica per i consumatori e “Noi Sicilia – Movimento anti-Equitalia”.

Lista unica, a meno di apparentamenti dell’ultima ora, per gli altri principali candidati. Giancarlo Cancelleri si giocherà le sue carte con la lista del Movimento 5 Stelle, così come Cateno De Luca (Rivoluzione Siciliana). Divisi i reduci del Movimento dei Forconi. Il tradisionale simbolo a sfondo blu non sarà collegato a Mariano ferro, leader storico e candidato alla presidenza della Regione con un’altra lista: “Il popolo de I Forconi – Mariano Ferro Presidente”. Lista solitaria anche per Gaspare Sturzo, che con il suo “Italiani liberi e forti” ha accolto il sostegno di movimenti minori che confluiranno nello stesso simbolo, Davide Giacalone (Le Ali alla Sicilia) e Giacomo Di Leo (Partito comunista dei lavoratori).

  1. ma non diciamo fandonie!!! il pid non riesce a chiudere la prima lista fuori da palermo e dovrebbe fare la seconda “iniziativa popolare” !!!!! musumeci avrà 3 liste perchè la cosidetta lista gemella del pdl chiamata “forza sicilia” è un bluff!!

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 − = cinque